macchie denti

Macchie sui denti: le tipologie e i consigli per prevenirle

Le macchie sui denti sono una delle principali cause per cui si richiedono trattamenti di odontoplastica estetica o di sbiancamento dentale.

Tale pigmentazione si crea sulla parte superficiale dello smalto, ma in casi più seri può arrivare fino alla dentina. Vediamo quali sono i principali elementi che possono causare questo problema al cavo orale.

I colori delle macchie sui denti sono generalmente classificati in cinque macro gruppi, diversificati in base alle cause che possono provocarli: scopriamoli nel dettaglio.

Le macchie verdi-azzurre sui denti si trovano spesso nelle persone che lavorano a stretto contatto con sostanze acide o chimiche come ad esempio: piombo, cloro, rame, nichel, mercurio e ferro.

Le macchie gialle identificano nella maggior parte dei casi persone che hanno una accentuata predisposizione al consumo di tabacco, caffè, tè o caramello. Tali sostanze possono provocare un invecchiamento precoce dello smalto.

I denti che presentano invece macchie marroni sono spesso il risultato di gengiviti croniche o di un uso eccessivo di colluttorio a base di clorexidina.

Le macchie nere sono causate da processi cariogeni dovuti ad una scarsa igiene orale o dall’utilizzo costante di sostanze acide.

Infine, le macchie grigie possono essere provocate dall’uso di alcuni antibiotici che si assumono in età adulta o già in età fetale assimilandoli mediante la madre.

Per un controllo approfondito del cavo orale e delle possibili macchie sui denti fissa una prima visita gratuita presso uno dei nostri centri chiamando al Numero Verde 800 561 006.