parodontite

La parodontite e le sue cause

Le cause della parodontite, più comunemente conosciuta come piorrea, sono da attribuire principalmente ed una cattiva igiene orale che non permette di debellare i batteri presenti nel cavo orale.

La parodontite o piorrea è una patologia infettiva polimicrobica che porta all’infiammazione del parodonto, ovvero l’insieme delle strutture che sostengono il dente. Questa infezione, ha una doppia natura, è sia virale sia batterica per questo innesca diversi fattori interconnessi tra loro che risultano essere difficilmente controllabili. Nei casi più gravi ed importanti può provocare la perdita dei denti, perchè si indeboliscono i tessuti che sostengono gli elementi dentari.

Questo processo nasce, in generale, da condizioni di salute già compromesse che provocano un abbassamento delle difese immunitarie che permettono ai batteri da proliferare; inoltre anche l’anatomia della bocca non aiuta, infatti, i denti mal posizionati rendono difficile la corretta igiene orale e portano alla formazione della placca prima e del tartaro poi. 

Le tossine, gli enzimi e i metaboliti provocati dai batteri determinano l’infiammazione, una volta penetrati nelle gengive, queste si fanno sempre  più deboli: si gonfiano, sanguinano  e con il trascorrere del tempo si assiste ad una retrazione gengivale che porta alla formazione di tasche gengivali che diventano sempre più profonde. Questo è un processo molto lento e non provoca dolore, per questo è necessaria una prevenzione per prevenire nella maniera più corretta questo fenomeno.

La probabilità di contrarre la parodontite aumenta anche in casi di malaocclusione o di otturazioni fatte male, perchè determinano l’accumulo di placca in zone difficili da raggiungere con lo spazzolino. Tabagismo, diabete, malnutrizione, avitaminosi, diabete, anoressia e l’uso di droghe sono tutte concause che provocano questo tipo di patologia.

Tra i sintomi della parodondite sono diversi, alcuni sono precoci, altri tardivi: i primi sono riconducibili, ad esempio, a alito cattivo, sanguinamento delle gengive durante lo spazzolamento dei denti, gonfiore arrossamento con il passare del tempo è possibile assistere ad un sanguinamento più severo a delle recessioni gengivali, comparsa di spazi tra i denti fino ad arrivare ad una eccessiva mobilità dentale.

I controlli periodici dal dentista possono, in questi come in altri casi, rivelarsi l’unica possibile soluzione a questa patologia. Per conoscere i dettagli sulla parodontite contatta i nostri esperti che ti daranno tutte le informazioni necessarie.

800 561 006